Notizie dal Mondo dello Sci

Niente Stagionale Via Lattea per la stagione 2020-21, non saranno in vendita

comunicato ufficialmente dalla società che gestisce gli impianti di risalita.

Non sarà in vendita lo Stagionale Via Lattea 2020-21. Decisione importante e che farà discutere quella dei gestori degli impianti della Via Lattea che ricordo comprende le stazioni di Sestriere, Sauze d’Oulx, Cesana,  San Sicario e Claviere.

La decisione è ufficiale da parte della società degli impianti che gestisce le piste della Via Lattea ed è stata formalmente comunicata via lettera dal presidente Giovanni Brasso a chi aveva sottoscritto un abbonamento stagionale per la passata stagione.

Le motivazioni

Ecco la sintesi delle motivazioni che hanno portato a questa decisione:

“Alla luce di possibili e nuove restrizioni, non essendo più in grado di poter assicurare in modo continuativo e certo l’utilizzo delle strutture che consentono di vivere interamente la stagione sciistica in Vialattea e prendendo conseguentemente atto che l’offerta potrebbe anche drasticamente ridursi, altro non possiamo fare se non rinunciare almeno per quest’anno, nostro malgrado, alla commercializzazione dello skipass stagionale”.

Nella lettera si cita anche il fatto che ancora non è chiaro se e quando gli impianti entreranno in esercizio.

Sono comunque allo studio forme di agevolazioni per gli sciatori più fedeli che però al momento non sono chiare tranne questa fase:” chi più scia più paga e chi meno scia meno paga”. Una comunicazione dovrebbe essere completa subito a livello di offerta prima di essere inviata a nostro avviso, mai lasciare incertezze e dubbi.

Le altre stazioni sciistiche cosa hanno deciso?

Cervinia ha pubblicato recentemente il listino prezzi e le date di apertura, analoga decisione per il consorzio del Dolomiti Superski e addirittura Abetone Multipass ha lanciato un programma molto chiaro: sottoscrivi lo stagionale e in caso di chiusura anticipata sai già quanto riceverai indietro in funzione della data.

Insomma, una politica diametralmente opposta a quella della Via Lattea.

Le conseguenze

Gli effetti sembrano purtroppo ovvi:

  • chi possiede una casa sarà costretto a pagare di più quasi certamente per l’intera stagione,
  • chi deve affittare forse sceglierà un altra zona, molto probabile,
  • poco cambierà per chi scia in giornata invece o per le settimane bianche

Che ne pensate?  chi avrà ragione? Abetone Multipass ci sembra comunque avere ideato una formula risk free o quasi.

Dove sciare in Piemonte

Ecco alcune della principali stazioni sciistiche dove sciare in Piemonte.

fabrizio grea

Appassionato di sci da sempre, ho fondato Skimania.it nel 2006, dapprima come blog e poi come un vero e proprio portale nella struttura che vedete ora. Scio all'Aprica in Valtellina abitualmente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close