Le ultimissime sullo Sci
Home » Località sciistiche » Sciare in Trentino Alto Adige: stazioni sciistiche » Guida al Sella Ronda, percorsi e consigli con foto e video

Guida al Sella Ronda, percorsi e consigli con foto e video

Sciare sul sella ronda: tutte le informazioni per scoprire il giro dei quattro passi delle Dolomiti, una classica dello sci mondiale ma tutta in Italia.




Il percorso del SellaRonda è notissimo a tutti gli appassionati di sci ma non solo, dato che è possibile farlo tutto l’anno in estate ed inverno con sci, bici (famosissimo il SÜDTIROL SELLARONDA HERO), anche di corsa per i più forti i e perchè no per i più pigri anche in auto e moto ;-(

sciare sul sella ronda

Il SellaRonda è noto anche come il Giro dei 4 passi ed in pratica è un “percorso” tutto attorno al Gruppo del Sella a cavallo quindi fra Val Gardena, Val Badia, Livinallongo, e Val di Fassa.

I 4 passi sono il Passo Sella che collega Val di Fassa e Val Gardena, il Passo Pordoi fra Val di Fassa e Val di Livinallongo, il  Passo Campolongo fra Val di Livinallongo e Val Badia ed il  Passo Gardena fra  Val Badia e Val Gardena.

Tornando alla versione sciistica: il Sellaronda è tutto sciabile, sci ai piedi, a differenza ad esempio del Giro sciistico della Grande Guerra che ha dei tratti in bus.

Il Sellaronda ha una lunghezza complessiva di crica 40 chilometri, di cui 26 sciabili e necessita di circa 6 ore di tempo per essere percorso tutto.

Non offre piste particolarmente difficili e può essere affrontato da sciatori anche medi, sarete sempre immersi in uno scenario fantastico. Il Sellaronda può essere percorso sia in senso orario che antiorario, le indicazioni da seguire in caso lo facciate orario sono quelle arancioni, mentre viceversa dovete seguire i cartelli verdi.

sciare sul sella ronda 2



Sciare sul Sella Ronda: orario od antirorario?

Eccovi comunque i due percorsi direttamente dal sito Altabadia.org:

Il percorso del Sellaronda: verde o arancione? questo è il dilemma

Il percorso del Sellaronda: verde o arancione? questo è il dilemma

Potete partire potete scegliere fra n località del Dolomiti Superski, direttamente ad esempio da Canazei, Corvara, Arabba o Selva di Val Gardena.

Chi vuole può anche intraprendere il SellaRonda da stazioni sciistiche comunque collegate come La Villa, San Cassiano, Ortisei e molte altre.



Novità importanti

Dalla stagione 2015-15 si evita l’attraversamento di Arabba con gli sci ai piedi grazie alla nuova seggiovia Arabba Fly.

Molto importante anche il collegamento del Sella Ronda con la ski area Ciampac grazie al nuovo Funifor Alba- Col De Rossi.

L’impianto che partendo da Alba di Canazei collega le skiaree di Belvedere e Ciampac e rende il Dolomiti Superki il comprensorio sciistico più esteso al mondo. Oltre 573 chilometri di piste sci ai piedi, unendo i 73 chilometri della Val di Fassa ai 500 del “vecchio Sella Ronda.

funivia alba di canazei

sciare sul sella ronda3




I vostri commenti

Ecco alcuni commenti che mi avete lasciato sul Sellaronda tramite Facebook con le parti del Sellaronda che vi sono piaciute di più:

  • Romy: “Ciampinoi con le sue gobbe è divertente!!”
  • Silvia: “a me piace la città’ dei sassi e passo sella”
  • Cinzia: “molto bella anke Porta Vescovo…………peccato ke la Fadoma è spesso kiusa
  • Samuele: “Porta vescovo ma soprattutto la gran risa rossa e nera”
  • Veronica: “Dantercepies e Ciampinoi!”
  • Alessandro: “Ciampinoi ed anche porta vescovo dal quale si gode un panorama fantastico
  • Corrado e Michela: “la Marmolada

Leonardo Cavagnoli  ci scrive: se si è un po’ pratici delle zone e non lo si fa nel fine settimana dandoci una botta si può uscire dal tracciato originario e andarsi a cercare le piste tipo gran risa e piz boè e Cir che vengono tagliate fuori dai due giri abitualmente tracciati.

Giuseppe Carli:  Si forse e’ una scarpinata, forse si prendono tanti impianti, ma rimane impagabile la sensazione di essere a 360° nella montagna, anzi nel cuore delle Dolomiti Patrimonio dell’ Unesco. Inoltre qualsiasi sia il senso del giro al calar del sole, quando si rientra, le Dolomiti sono illuminate dall’ultimo sole e rendono questo percorso fantastico. Grazie Dolomiti Superski.

Antonella Cagnasso: Per goderlo veramente bisogna sciare bene. Richiede velocità e preparazione fisica altrimenti si rischia di non riuscire a completarlo…..attenzione a col fosco verso le 17.00 un freddo cane!

Italo Casu: E’ bello in tutti i due sensi. Pensare che si va per divertirsi e rilassarsi. Sicuramente è bello essere in compagnia e poi non fare solo il giro tutto di un fiato, ma soffermarsi a vedere tutte le varie sfumature di queste incantevoli montagne. Sai, sono anche interessato, abitando a Canazei da maestro di sci, l’ho percorso tante volte che perso il conto.




Variante Marmolada

Umberto Fognini: bellissima la variante Marmolada partendo da Campitello.

Si sale al Col Rodella e si scende al Lupo Bianco, si sale al Belvedere e si scende ad Arabba, si sale a Porta Vescovo e si scende a Malga Ciapela, si prendono le tre funivie e si arriva a Punta Rocca in cima alla Regina delle Dolomiti.

Da qui si scende al Passo Fedaia e poi si prendono gli impianti per risalire a Porta Vescovo, poi si tiene la sinistra e si va verso il Passo Pordoi.

Si risale al Bel Vedere e giù fino al Lupo Bianco o Canazei. Dal Lupo Bianco si risale al Col Rodella e si scende in funivia a Campitello. Se scendete a Canazei, prendi il Bus che è gratis e tornate a Campitello. Bellissimo, con una fermata in una baita per un pieno di benzina. Comunque il giro dei 4 passi l’ho fatto 40 volte, 20 antiorario e 20 orario.

La nostra opinione

La grande attrazione di questa parte delle Dolomiti è proprio il tour del Sella Ronda. E’ probabilmente il più famoso giro sci ai piedi del mondo: un circuito di 40 km di impianti di risalita e piste che circonda le pareti del Gruppo del Sella.

Tutti quelli che vengono in Gardena o Val Badia lo fanno almeno una volta durante le vacanze.

Sotto molti punti di vista, è degna di essere messa in risalto. Non capita spesso di vedere un massiccio da ogni lato, soprattutto una montagna come questa.

Per di più, tutti, tranne gli sciatori principianti, possono fare il tour, a condizione che vi concedano un’intera giornata e che prestino molta attenzione alla segnaletica e alla cartina delle piste.

Ma la popolarità del Sella Ronda è anche la sua rovina.

  • Nelle settimane di punta le piste sono affollate e le code agli impianti di risalita possono essere un problema.
  • Si ha anche l’impressione a volte di non sciare sulle piste migliori della zona.

Il nostro punto di vista è che si dovrebbe lasciarlo alla fine della settimana di vacanza (quando la maggior parte degli sciatori l’hanno già affrontata), e riscaldare le gambe degli sci su alcune delle altre parti più tranquille dei comprensori collegati.

Ci sono quattro aree che alimentano la Sella Ronda come i raggi di una ruota: la Val di Fassa, la Val Gardena, l’Alta Badia e le piste sopra Arabba.

Tutte offrono un’offerta sciistica a livello “tecnico” migliore del Sella Ronda stessa e sarebbe un peccato ignorarle.



Foto e video

Vi segnalo anche questo video molto bello in HD che rende l’idea di una giornata al Sellaronda, buona visione.

Altre guide da leggere

Eccovi le altre recensioni che vi consigliamo di leggere:

About fabrizio grea

Appassionato di sci da sempre, ho fondato Skimania.it nel 2006, dapprima come blog e poi come un vero e proprio portale nella struttura che vedete ora. Scio all'Aprica in Valtellina abitualmente.

9 comments

  1. Io le ho fatte quasi tutte le piste del Sellaronda e devo dire che sono tutte stupende dal Seceda, alla Sasslong, dalla Gran Risa a Porta Vescovo per non parlare dei panorami stupendi che si godono da lassù…che nostalgia ma mi manca quella altrettanto bella della Val Senales! tempo al tempo e ….buon divertimento per tutti è assicurato!

  2. il giringiro piu bello del mondo fantastico,,,

  3. Bellissimo partire da Pozza con lo ski tour panorama e poi i 4 passi!!!

  4. Fatto ogni anno, decine e decine di volte. E non solo: in aggiunta anche Porta Vescovo e il Padon. Spettacolo e basta.

  5. Farlo adesso… con gli attuali impianti e piste.. è una bella gita sugli sci…. Farlo 30/35 anni fà… era una gran bella avventura….!!

  6. trent’anni fa con gli impianti che c’erano dovevi correre e mangiare al volo su quei bellissimi “banconi” di neve sulla pista senza nemmeno togliere gli sci…da qualche anni vado in Val Badia per tentare di nuovo il giro ma quando vedo tutta quella gente in pista ci rinuncio,per me sciare vuol dire relax…quello di oggi è un incubo!!!!

  7. Niente in confronto delle 3 Valles. Lì veramente si scia a tutto campo, 650 km veri di piste tutte collegate.

  8. Se come me vi piace fare tanti km senza fermarsi, si riesce tranquillamente a fare un giro in tutti e 2 i sensi nello stesso giorno, permettendosi anche di rifare 3-4 piste meritevoli. A meno che non siano martedì o giovedì : in quel caso bisogna sostare al piz setur

  9. più bello farlo con le classiche varianti, senso antiorario da Plan de Gralba: Porta Vescovo, San Cassiano, Piz la Ila, Gran Risa, Cir, Sasslong…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*