Le ultimissime sullo Sci
Home » Località sciistiche » Sciare in Piemonte - tutte le guide alle stazioni sciistiche » Guida a Bardonecchia con anche recensione di hotel e previsioni meteo

Guida a Bardonecchia con anche recensione di hotel e previsioni meteo

Eccovi la nostra guida per andare a sciare a Bardonecchia, con tutte le informazioni su piste, impianti, fuoripista e foto di questa località sciistica piemontese.




Dove si trova

Bardonecchia si trova in alta val Susa, ai confini con la Francia ed è una delle località sciistiche più importanti del Piemonte e d’Italia con una storia sciistica che risale agli inizi del secolo.

Sciare Bardonecchia

Bardonecchia è una delle mete sciistiche più note di tutta l’arco alpino occidentale.

Descrizione

Bardonecchia è un tradizionale paese di confine nella soleggiata Val di Susa, regione italiana del Piemonte. Vicino al confine francese, sul versante italiano del Traforo del Frejus, Bardonecchia si è trasformata da tipica cittadina di montagna in una località di villeggiatura dove i visitatori possono ancora passeggiare per le antiche strade acciottolate e godersi il mercato settimanale che si svolge dal Medioevo.

Bardonecchia è un’importante paese fin dall’epoca romana, con una storia colorata e ricca di carattere. C’è un centro storico con strade acciottolate, un’antica chiesa e molti caffè, tra cui uno dei più famosi presepi d’Italia.

Questa stazione sciistica piemontese offre:

  • due comprensori sciistici,
  • 1400 m di dislivello,
  • nevicate frequenti ,
  • 100 km di piste da sci prevalentemente fra gli alberi su terreno esposto a nord,
  • ottimi collegamenti con i mezzi di trasporto

La ski area si sviluppa su tre zone: Campo Smith, Melezet e Jafferau che insieme hanno 140 km di piste. Campo Smith, al centro è considerato l’area principale che è completamente collegato alla vicina Melezet.

Jafferau si trova a cinque minuti di bus e il biglietto dell’impianto di risalita è ovviamente lo stesso.

Tutti questi aspetti ne fanno una proposta interessante per la prossima settimana bianca, il tutto a soli 12 minuti di treno dal comprensorio sciistico della Via Lattea.

Storia ed origine

La valle di Susa è ricca di storia e tradizione.

Nel Medioevo i principali viaggiatori della zona erano pellegrini, soldati, commercianti di vino, commercianti di bestiame e artisti in viaggio verso l’Europa occidentale.

Nelle cappelle che circondano la zona sono ben conservati affreschi di artisti itineranti del XV e XVI secolo, alcuni dei quali sono raggiungibili solo con gli sci in inverno.

Il vicino passo alpino del Monte Cenis a 2082 m era una delle grandi vie di invasione e furono le truppe napoleoniche a costruire la prima strada attraverso il passo nel 1810.

Quando nel 1871 fu costruita la galleria del Frejus, fu la prima galleria di roccia di questo tipo, pioniera di molte tecniche e punto di riferimento dell’ingegneria.

Con i suoi 13 km è ancora oggi uno dei tunnel ferroviari più lunghi del mondo. Lo sci italiano è nato in Piemonte, che si traduce come “piede della montagna“, e Bardonecchia è stata una delle prime stazioni sciistiche del paese.

Fondata nel 1934, furono due fratelli norvegesi, gli Smiths, che vennero qui e vi costruirono il primo salto con gli sci a Campo Smith (Smith’s Field), da cui il nome della zona.

Situata all’ingresso italiano del tunnel del Frejus, questa è stata una delle prime stazioni sciistiche italiane. Oggi sta vivendo una rinascita e ha ospitato eventi di snowboard ai Giochi Olimpici Invernali del 2006. Il collegamento ferroviario è anche una grande attrazione per gli sciatori attenti all’ambiente.

Ci sono due aree sciistiche principali collegate in autobus – sotto il monte Jafferau (2807m) e una seconda area accessibile dall’esterno del paese da Campo Smith e Melezet.




Sciare a Bardonecchia

Questa località dell’Alta Val Susa come detto ha circa 100 chilometri di piste, 5 piste nere; 18 piste rosse e 16 piste blu.

Le piste spaziano dai 1330 metri del paese sino ai 2800 metri del Jafferau, adattissimo agli snowboarder.

Lo sci in Italia ha avuto origine in Piemonte e Bardonecchia è stata una delle prime stazioni sciistiche del paese. Oggi è una delle prime dieci località italiane con un eccellente record di neve naturale.

La maggior parte delle piste sono esposte a nord/nord-ovest, per cui la neve tende a durare più a lungo (le piste esposte a sud prendono più sole).

Lo sci è distribuito su 3 aree – Melezet, Jafferau e Campo Smith, l’area principale dove si trovano gli impianti di base.

Mappa piste da sci e caratteristiche

La maggior parte delle piste sono intermedie, non troppo difficili.

Eccovi il link alla cartina completa delle piste di Bardonecchia.

Bardonecchia-cartina

Mappa delle piste ed impianti

Bardonecchia come vi anticipavo è “divisa” in due zone sciistiche in pratica una sul versante NordOvest  sulle pendice del Monte Jafferau che arriva a circa 2800 mt, l’altra del Melezet e Colomion partendo dal Campo Smith.

Le due aree non sono collegate fra loro, sci ai piedi purtroppo:

Ovviamente Melezet, Colomion e Campo Smith sono collegate mentre invece le piste del Jafferau rimangono a parte

Melezet, Colomion e Campo Smith

Tutte piste sono immerse nei boschi e raggiungibili direttamente dal paese.

Le principali piste per principianti si trovano sui pendii più bassi di Campo Smith e Melezet, completamente collegati da impianti di risalita.

Gli impianti di innevamento garantiscono una buona copertura nevosa sia all’inizio che alla fine della stagione. Queste due aree hanno una buona varietà di piste che vanno dalle ampie radure aperte alle piste fra gli alberi.

Campo Smith per me rappresenta una località sciistica molto particolare perché vi ho messo per la prima volta gli sci  nel lontano 1980 sullo skiliftino con una maestra di sci di cui ricordo ancora il nome, Cecile Bea.



Jafferau

Questo  comprensorio  è quello che mi piace di più, fra le 3 aree sciistiche, più isolato e  con meno gente.

C’è un servizio di skibus gratuito intorno all’area che impiega circa cinque minuti da Campo Smith a Jafferau, dove le piste sono leggermente più difficili.

Ha una conca senza alberi con cunette e buoni fuoripista, così come piste larghe e piste più strette tra gli alberi.

Arrivarci è comodissimo essendo a 100 metri dal Casello autostradale della Torino Bardonecchia con la possibilità praticamente di parcheggiare a pochi metri dalla nuova cabinovia inaugurata in occasione delle Olimpiadi Invernali di Torino 2005.

La novità  dalla stagione 2017 18 è la nuova seggiovia a 6 posti Fregiusa -Plateau che ha sostituito la vecchia seggiovia a due e lo skilift.

Sciare Bardonecchia, Jafferau

Vi segnalo che sono ottimi e belli anche i fuoripista, specialmente nella zona del Jafferau come potete anche vedere nel video sotto girato da alcuni Skimaniaci, fra cui me stesso….;-)

Bardonecchia Snowpark

Gli amanti del freestyle troveranno un bello snowpark al Melezet

Ecco alcune caratteristiche:

  • 1,5 km di piste dedicate al freestyle con rails e linea jibbing Pro in mezzo al bosco
  • salti di tutte le difficoltà
  • un sistema di videoripresa peraltro gratuito
  • Tappeti di risalita a disposizione di tutta l’area easy Burton Progression Park

Ci sono un sacco di possibilità anche al Colomion, mentre se amate la forte pendenza e dossi allora Jafferau è la zona da visitare. Un nuovo tube olimpico lungo 130 metri è stato aperto per le Olimpiadi di Torino 2006. Lo Snowpark Olimpico ha 14 binari, un box, 12 salti e due percorsi di boardercross.

Per i freestylers il Parco Olimpico di Melezet ha molte sfide da affrontare.
C’è anche un’area per principianti con kicker, big air e musica per DJ.




Per le famiglie

Attualmente a Bardonecchia non ci sono strutture complete per l’infanzia, ma i bambini a partire dai cinque anni hanno classi speciali nella scuola di sci locale.

Hotel dove dormire e residence consigliati

Il paese ha ampie possibilità di alloggio. Gli impianti di risalita si trovano a non più di un chilometro da qualsiasi punto di Bardonecchia.

In alternativa si può pernottare nella vicina Oulx, a breve distanza in treno o in auto.

Modane è la città francese più vicina ma il costo del Traforo del Frejus e/o treni poco frequenti, rendono insostenibile l’idea di dormire in Francia, meglio andarci in una gita di un giorno.

Chi volesse prenotare una settimana bianca in questa località può farlo direttamente online nel motore di ricerca hotel sotto:

Abbiamo recensito per voi alcune strutture

Dove Mangiare fuori e Apres ski

Bardonecchia è ricca di ristoranti che servono deliziosi primi piatti di pasta e specialità locali.

La vita notturna nei bar locali è rilassante e diventa più vivace nei fine settimana.

Meteo Bardonecchia

Eccovi le previsioni a cinque giorni per questa stazione sciistica Piemontese.

Rifugi sulle piste da sci

Ed ora eccovi le nostre recensioni di alcuni rifugi e ristoranti dove fermarvi sulle piste.




In estate

Bardonecchia è una delle poche località dove praticare in estate lo sci d’erba. Molto bello sempre al Campo Smith anche il Bike Park per gli appassionati di downhill e Mountain Bike.

Come arrivare

La stazione sciistica di Bardonecchia si trova praticamente al confine con la Francia.

Situata sulla principale linea ferroviaria TGV Parigi-Lione – Torino – Milano e sull’estremità italiana del Traforo del Frejus sull’autostrada E70.

Sciare al Jaffreau

Questa stazione sciistica è raggiungibile in meno di 1 ora di Autostrada da Torino, 2,5 ore da Milano e in 4,5 ore di treno dal centro di Parigi.

Gli aeroporti più vicini sono Torino e Milano Malpensa.

Località sciistiche nelle vicinanze

Bardonecchia si trova a 14 minuti di treno da Oulx, la porta d’ingresso alla via Lattea.

Vi ricordo che le vicine stazioni sciistiche di Sestriere e Montgenevre in Francia fanno parte della Via Lattea. I treni tra i due paesi circolano ogni ora.

Al di là della frontiera francese trovate invece Modane (18 minuti in treno) che è la base per accedere a molte stazioni sciistiche dell’alta Maurienne tra cui:

  • Valfrejus,
  • Bonneval sur Arc,
  • Aussois,
  • Val Cenis e La Norma.




Sciare in Piemonte

Se invece volete approfondire la conoscenza di altre località sciistiche in Piemonte vi consiglio di leggere questi articoli:

About fabrizio grea

Appassionato di sci da sempre, ho fondato Skimania.it nel 2006, dapprima come blog e poi come un vero e proprio portale nella struttura che vedete ora. Scio all'Aprica in Valtellina abitualmente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*